T’insegno o t’imparo? – Cervello, mente, didattica e scuola – II Congresso Nazionale SOS


T’insegno o t’imparo? – Cervello, mente, didattica e scuola 3 - 4 Marzo 2017 - NAPOLI @Hotel Ramada II° Congresso Nazionale SOS Dislessia realizzato in collaborazione con l’Università Federico II di Napoli e le Università di Modena e Reggio Emilia. La scuola è il luogo dove si insegna o dove si impara? Questa è la domanda intorno a cui ha ruotato il II Convegno nazionale di SOS Dislessia a Napoli. Un appuntamento annuale in continuità con la riflessione iniziata al convegno di Pisa sui processi di apprendimento in una scuola che cambia. Con un parterre di illustri relatori si è discusso dell’utilizzo del computer e della sua influenza su memoria e attenzione, di come trasformare la conoscenza “ignorante” di Google in sapere costruttivo, del perché si continui a non imparare l’inglese, nonostante venga studiato fin dalla prima elementare. Inoltre si è parlato  di come l’esperienza (anche scolastica)  trasformi il cervello e lo modelli e di come si possa riportare il piacere di apprendere nella scuola. Uno spazio di approfondimento è stato riservato allo studio della grammatica e della matematica, alla didattica utile e inutile. Inoltre abbiamo visto come funziona il cervello quando si legge e si scrive; Philip Schultz, vincitore del premio Pulitzer per la poesia, ci ha aiutato a capire la dislessia parlandoci di come ci si sente quando non ci si può fidare della propria mente. La presentazione del convegno a cura del direttore scientifico: il prof. Giacomo Stella https://www.youtube.com/watch?v=81BaqxaareM Leggi l’approfondimento di Famiglia Cristiana 

PROGRAMMA

Prima giornata (9.15-13.00, 14.15-19.00) Sulle tracce dei codici organizzativi della nostra identità
  • 9,15 Alessandro Rossi: Il cervello umano: decifrare la mappa delle connessioni per capire chi siamo.
  • 10,00 Luigi De Gennaro:  Apprendere durante il sonno o apprendere grazie al sonno?
  • 10,45 Tracy Halloway: La memoria di lavoro nella scuola.
  • 11,30 Coffee break
  • 11,45 Maria Luisa Gorno Tempini: Vedere l’apprendimento “dal vivo”: il contributo delle neuroimmagini.
  • 12,30 Silvia Paracchini:  Genetica e apprendimento: si nasce imparati?
Le nuove forme dell’apprendimento
  • 14,15 Costanza Papagno:  Memoria e scuola: imparare la Vispa Teresa serve per sviluppare le capacità cognitive?
  • 15,00 Giacomo Stella: Socrate, Piaget e il tablet.
  • 15,30 Raffaele Simone: La forma del sapere: dalla conoscenza sistematica alla conoscenza irrelata.
  • 16,15 Coffee break.
La didattica inutile
  • 16,30 Gabriele Pallotti: Meno “grammatica”, più educazione linguistica.
  • 17,15 Carlos Melero: Le lingue straniere a scuola: T’insegno o t’imparo.
  • 18,00 Andrea Di Somma, Cristina Veneroso: Nessuno nasce imparato. Insegnare a essere attenti.
  • 18,40 Tiziana Licciardi: Ma siamo proprio sicuri che il  PDP è personalizzato? Riflettiamo a partire dall’ICF.ì
Seconda  giornata (9.15-13.00, 14.15-19.00)
  • 9,00 Salvatore Giuliano: La scuola è il posto migliore dove stare.
  • 9,40 Concetta Pacifico: La scuola delle competenze.
  • 10,20 Franco Lorenzoni: La scuola non deve imitare il proprio tempo: se non è un po’ meglio della società che la circonda, cosa ci sta a fare?
  • Coffee break
  • 11,15 Bruno  D’Amore: Illusioni, panacee, miti nell’insegnamento-apprendimento della matematica.
  • 12,00 Mariolina Bussi Bartolini: Uscire dalla cornice: esempi irritanti in matematica.
  • 12,40 Guido dell’Acqua: Didattica inclusiva della matematica, dalla scuola primaria alle facoltà scientifiche.
  • 13,00 Claudio Marchesano e Vera Francioli: ImpariAMO la matematica ai tempi di internet con la didattica inclusiva.
  • Pausa pranzo
  • 14,30 Paolo Valerio: Coltivare le differenze per una cultura differente .
  • 15,15 Incontro con Philip Schulz: La mia dislessia.
  • 16,30 Gli imperfetti. Opera teatrale
Relatori
  • Alessandro Rossi, Università di Siena;
  • Luigi De Gennaro, Università di Roma La Sapienza;
  • Costanza Papagno, Università di Milano Bicocca;
  • Raffaele Simone, Professore emerito di Linguistica, Università Roma Tre;
  • Carlos Melero, Università Ca’Foscari Venezia – Gruppo di Ricerca DEAL;
  • Gabriele Pallotti, Università di Modena e Reggio Emilia;
  • Tracy Alloway, Psychology professor, University of North Florida;
  • Maria G. Bartolini Bussi, Università di Modena e Reggio Emilia;
  • Claudio Marchesano e Vera Francioli, insegnanti di matematica al “Federico Caffè” di Roma;
  • Concetta Pacifico, Dirigente scolastico IC Verona;
  • Salvatore Giuliano, Dirigente Istituto Majorana Brindisi;
  • Philip Schultz, Premio Pulitzer 2007 per la poesia;
  • Guido Dell’Acqua, Ufficio Disabilità – MIUR;
  • Paolo Valerio, Università degli studi di Napoli Federico II;
  • Andrea Di Somma e Cristina Veneroso, SOS Dislessia Napoli;
  • Maria Luisa Gorno Tempini, University of San Francisco;
  • Bruno D’Amore, University of Cyprus;
  • Franco Lorenzoni, Insegnante scuola primaria;
  • Silvia Paracchini, School of Medicine, University of St Andrews;
  • Tiziana Licciardi, Centro SInAPSi – Università degli Studi di Napoli Federico II;
  • Sonia AntinoriGli imperfetti, Opera teatrale;
  • Franco Botticelli, Presidente Associazione Italiana Dislessia AID.