FORMAZIONE INTERNA/START-UP PER ATTIVAZIONE DOPOSCUOLA SPECIALIZZATO IN DISTURBI DEL COMPORTAMENTO

Costo: 1.000,00


VUOI ATTIVARE UN DOPOSCUOLA SPECIALIZZATO IN DISTURBI DEL COMPORTAMENTO PRESSO LA TUA SEDE ?

 

CHIEDICI COME FARE!

  Informati subito sulla formazione interna targata  SOS Dislessia.  Un percorso  di Start-Up teorico-pratico rivolto agli operatori per l’avvio di un Doposcuola specializzato nella gestione di tutti quei bambini definiti ”complessi” dal punto di vista comportamentale. Ragazzini che presentano difficoltà attentive del comportamento e iperattività. Uno spazio di supporto allo studio che tiene conto degli aspetti comportamentali e gestionali da attivare durante le attività extra scolastiche specializzate. LA FORMAZIONE INTERNA PREVEDE: 
  • Docenti specializzati presso la vostra sede
  • Corso teorico (8 ore)
  • Corso pratico laboratoriale (8 ore)
  • Modalità interattiva e ravvicinata per poter apprendere meglio
  • Supervisione a distanza
  • Confronto e scambio di buone prassi all'interno della Rete dei Centri SOS Dislessia
  • Costruzione di progetti di ricerca

COSTO  1000€ + IVA per i Centri affiliati a SOS DISLESSIA

(oltre a vitto e alloggio del docente)

   

IL PROGETTO NEL DETTAGLIO

La gestione delle difficoltà comportamentali in età evolutiva”: modelli inclusivi di trattamento per i disturbi specifici dell’apprendimento e del comportamento in ambiente dopo scolastico. Abstract progetto: I bambini e i ragazzi con Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività (ADHD) e Disturbi Dirompenti del Comportamento (Disturbo Oppositivo-Provocatorio e Disturbo di Condotta) hanno, nella maggior parte dei casi, importanti difficoltà scolastiche, legate alle atipie neuropsicologiche e comportamentali che sono alla base del loro diverso stile di apprendimento. Inoltre, la probabilità che questi bambini/ragazzi presentino una DSA in associazione è piuttosto elevata (40% circa). Partendo da questi presupposti, il corso presenterà strategie e gli strumenti più utili a consentire a questi bambini/ragazzi di apprendere secondo il loro peculiare stile cognitivo e comportamentale, prevenendo l’impoverimento culturale, l’arresto dell’abbandono scolastico. E’ infatti indispensabile che i docenti, gli educatori e i genitori dispongano di un’ampia gamma di strategie e di strumenti compensativi che li aiutino a proporre percorsi specifici e individualizzati di apprendimento, rispondendo anche alle richieste della Direttiva ministeriale del 27 dicembre 2012 sui Bisogni Educativi Speciali (BES) per l’inclusione scolastica. L’esigenza di gestire i bambini con disturbi dell’apprendimento e del comportamento secondo un modello inclusivo e rispettoso delle differenti modalità di apprendimento pone diversi interrogativi di tipo pragmatico, organizzativo e applicativo. Obiettivo del progetto è quello di proporre degli incontri informativi di carattere pratico/applicativo ai tutor dei doposcuola per la scuola primaria e secondaria di primo grado allo scopo di fornire tecniche e strategie per gestire efficacemente i bambini con difficoltà scolastiche e comportamentali. Descrizione del progetto: La rete SOS Dislessia, in collaborazione con il Centro Studi IRIDAC, da anni prevede, per questi bambini, un percorso rieducativo integrato, ecologico e trasversale che sovverte in modo significativo gli schemi attualmente utilizzati per tempi, modalità e finalità e che risulta anche meno dispendioso in termini di risorse umane dedicate. Per chiarire in cosa consiste questo intervento, prendiamo in esame i tre aggettivi "integrato, trasversale ed ecologico". Il termine integrato sottende l'idea che è preferibile lavorare contemporaneamente su tutte le aree del funzionamento dei bambini che raggruppiamo idealmente in due sub-aree: "apprendimento" e "comportamento". Della prima fanno parte le competenze scolastiche, le strategie di studio, ma anche la capacità di apprendere tutti i dati e le informazioni necessarie a giocare, stare con gli altri, usare la tecnologia, muoversi nell'ambiente etc. Della seconda fanno parte tutti gli atteggiamenti comportamentali necessari ad adattarsi all'ambiente nel miglior modo possibile e a comunicare con gli altri in modo efficace. In termini pratici l'aggettivo integrato si traduce in un approccio che prevede che il soggetto, nella stessa momento rieducativo, sia sottoposto tanto ad attività di stimolazione delle abilità scolastiche, quanto ad attività volte ad implementare le sue capacità autoregolative e di interazione sociale efficace. Il termine ecologico racchiude tutti quegli accorgimenti volti a fare in modo che l'attività rieducativa sia quanto più possibile vicina alla vita quotidiana. In termini pratici si traduce nel lavorare sulle strategie di apprendimento di contenuti scolastici utilizzando i compiti per casa (come si fa già in quello che viene definito homework tutoring) e nel lavorare sulle capacità autoregolative in gruppo e non in individuale. Al tempo stesso, il lavoro in gruppo consente di incidere sulle abilità comunicative e sulle strategie di problem solving sociale. Il termine trasversale fa riferimento alla necessità di lavorare sulle funzioni esecutive (FE), che rappresentano le abilità per antonomasia coinvolte in ogni tipo di compito ed attività. In termini pratici questo significa che il focus dell'intervento di gruppo sono le FE e che il gruppo può essere composto da bambini con disturbi del neurosviluppo diversi, dal momento che si lavora su questa sorta di "denominatore comune" rappresentato dalle FE. Grazie all’esperienza maturata nel campo mediante questo tipo di gestione integrata ci è oggi possibile fornire una serie di strumenti concreti per contenere i comportamenti disfunzionali e migliorare la loro socializzazione e i loro risultati scolastici. Le tecniche per il controllo e la stimolazione delle abilità di studio esperite durante l’applicazione del modello, possono proficuamente essere utilizzate anche in ambito scolastico e doposcolastico. Modalità di diffusione del progetto: Il progetto “La gestione delle difficoltà comportamentali in età evolutiva” verrà offerto ai centri che si occupano di doposcuola specialistico, prevedendo un incontro formativo per realizzare un’attività di doposcuola per scuola primaria e secondaria di secondo grado che sia efficace nella gestione degli studenti con disturbi dell’apprendimento e del comportamento. Tematiche trattate:
  • Disturbi del comportamento e difficoltà scolastiche: una visione d’insieme
  • Linee generali per l’intervento
  • La famiglie e la scuola: care, supporto e Parent Training
  • Il trattamento comportamentale: controllo dei comportamenti disfunzionali dei bambini
  • Il trattamento cognitivo su operatori: controllare le reazioni emotive nell’interazione con il bambino oppositivo provocatorio
  • La strutturazione del doposcuola: ambienti di lavoro, allestimenti, soluzioni operative, gestione dei tempi e delle attività
Risultati attesi: Migliore gestione dei bambini con disturbi dell’apprendimento e del comportamento. Migliore integrazione dei bambini con disturbo dell’apprendimento e del comportamento all’interno del doposcuola. Maggiore contenimento della dispersione annessa alla presenza di studenti con disturbi del comportamento. Articolazione del progetto: Il progetto prevede, in una prima fase, il colloquio preliminare con il responsabile (telefonicamente o via Skype) per valutare la presenza dei requisiti minimi per la realizzazione del progetto. Successivamente, se le condizioni preliminare sono soddisfatte, saranno previste due giornate di formazione direttamente all’interno della sede del doposcuola che intende realizzare tale attività. Prevede due giornate (generalmente un sabato e una domenica) con attività di formazione dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00. Sono previsti, inoltre, n. 3 incontri via Skype da un’ora circa, a distanza di due, quattro e sei settimane dalla prima formazione. Nella prima giornata si tratteranno temi inerenti le caratteristiche dei disturbi del comportamento in età evolutiva in piccoli gruppi e in individuale e delle tecniche per la gestione dei comportamenti disfunzionali. La seconda giornata analizzerà i locali e gli ambienti a disposizione del doposcuola specialistico e guiderà gli operatori verso una nuova riorganizzazione degli spazi. L’attività laboratoriale valuta le esperienze degli operatori e analizza le difficoltà riscontrate con i bambini, al fine di indagare le reazioni emotive degli operatori ristrutturando il modello operativo. Infine sono previsti tre incontri a distanza (Skype) per il supporto degli operatori e la risoluzione delle difficoltà riscontrate. Costi: Il Corso ha un costo di 1000 euro + IVA (oltre a vitto e alloggio del docente) per i Centri affiliati SOS Dislessia.